LA STORIA

RockandVintage nasce con l’intento di diventare un riferimento per gli appassionati di strumentazioni Vintage e di musica, Rock in particolare.

Il progetto si compone di una sezione Strumenti – Chitarre e Amplificatori in Vendita , una dedicata alla Collezione Privata e una per la Memorabilia.
Si è voluto offrire in questo modo qualcosa che sicuramente in Italia non esisteva prima: non il solito sito di vendita on-line di strumenti musicali ma una vetrina incredibile fatta di oggetti, emozioni, ricordi e Musica.

Siamo in grado di ricreare il palco così come era allisola di Wight, quando nel 1970 si esibirono Jimi Hendrix, The Who, Free, Ten Years After, Doors, The Moody Blues, Emerson Lake & Palmer

La sezione dedicata alla Memorabilia per noi è la “ciligina sulla torta” : conterrà oggetti dal palco, strumenti, indumenti utilizzati e appartenuti alle Star della Musica Rock che hanno contribuito a scriverne la Storia.

INFO E CONTATTI:
WEB www.rockandvintage.it
email: marketing@rockandvintage.it

MUSEO DEL ROCK

GRAZIE A MASSIMO COTTO

Raccontare una storia è bello, ma come la racconti fa la differenza.

Superflua ogni presentazione di MASSIMO COTTO, che da anni promuove con passione, dedizione, entusiasmo e competenza, la cultura musicale contemporanea, lo STYLE ROCK e la forza di quei messaggi che la musica trasporta.

Siamo felici di questa collaborazione e di questo progetto in essere ricco di energie e speranze. Grazie ai nostri amici di VINTAGE AUTHORITY, vogliamo promuovere la storia della musica rock, far conoscere aneddotti, contraddizioni, illusioni infrante e sogni di quei personaggi “scolpiti” nelle nostre menti come rockstar. Miti e immagini senza tempo.

Ascoltate le sue parole, percorrete insieme a noi questa strada.

STAY ROCK, STAY ROCKANDVINTAGE

From Rock Bazar - Massimo Cotto

THANKS TO HENRY RUGGERI

VIRGIN RADIO OFFICIAL PHOTOGRAPHER

Grazie per dare il tuo contributo alla causa ROCK AND VINTAGE, grazie per quello che fai. STAY ROCK!!!!

RACCONTARE LA MUSICA ROCK GRAZIE ALLE IMMAGINI

Poche cose sanno trasmettere le emozioni della musica, spesso quella che si ha vissuto ad un live o quella che ricorda miti, sogni, speranze e conflitti che si agitano nelle nostre menti e nei nostri cuori.  CARPE DIEM, cogliere quell’attimo che si concentra in un fotogrammo, estaticamente eterno di quel tempo che non tornerà, se non evocato da questo portale. La musica ritorna grazie alle sue immagini e il tempo diventa un tuffo on the rock!

APPROFONDIMENTO APRILE 2019

IRON MAIDEN STRATOCASTER – PROTOTYPE

Nel 2001 Jamie Crompton, dirigente Fender per i rapporti con le rock band , contattò Johnnie Allan Sanctuary music management-Iron maiden per presentargli il progetto della costruzione di una Fender Stratocaster Iron Maiden signature.
Il progetto prevedeva che , una volta ottenuta la green light della band e del suo management ,lo strumento sarebbe stato prodotto dalla Fender Japan.

Il prototipo fu assemblato da Andy Gibson di Nightingale guitar partendo da parti stratocaster americane ( sn.n7237770) e fu poi presentato alla band che diede la propria approvazione e autografo’ lo strumento (Davey, Adrian, Janick ai quali si aggiunse anche Steve Harris ).

La
Stratocaster proviene dal proprietario di vintage guitar emporium in londra ed e’ accompagnata da documenti di Fender europe , sanctuary music management , e Vintage guitar emporium.

Un altro cimelio del Rock, legato al gruppo che prima e più di ogni altro ha portato alle masse i suoni più estremi dell’ Heavy Metal di qualità. Gli IRON MAIDEN.

Qui sotto, sono state inserite anche le foto dei documenti COMPROVANTI LA SUA AUTENTICITA’ ED UNICITA.

La chitarra è stata utilizzata un’unica volta per un Medley degli Iron appunto, appezzandone timbro e caratteristiche durante l’esibizione di Niccolò Bossini e Jonathan Gasparini in occasione dell’Hendrix Day 2017The History of the Man meet The History of the Sound . La storia del suono ha incontrato la storia degli uomini, un incredibile viaggio attraverso storie musicali, influenze più decisive ed esperienze… ( nella foto anche Wilco dei Rats )

Un pò di foto … Alla prossima !

APPROFONDIMENTO MARZO 2019

1967 MARSHALL BLUESBREAKER – ERIC JOHNSON autografato da ERIC CLAPTON

Della serie … ROCK’N VINTAGE RACCONTA VINTAGE AUTHORITHY

Correva l’Anno 2011 … Maggio per la precisione.
A parte gli scherzi sembra passato veramente un secolo, quando invece sono solo 8 anni ma di acqua sotto i ponti ne è passata veramente tanta !

Abbiamo visto passare 9 edizioni di Hendrix Day, tanti Amici, tanti Artisti, Strato Palettone a flotte, qualche decina di Gibson Solid & Hollow Body… e una “valanga” diAmpli soprattutto MARSHALL.

Tra cui : Il BLUESBREAKER di ERIC JOHNSON autografato nel 2006 da ERIC CLAPTON.
E’ andata così.

A Roberto arriva una telefonata da un’amico di Austin: ” Eric Johnson vende il suo Bluesbreaker ! ”
All’epoca nonostante avessimo già una discreta esperienza sugli amplificatori non ne avevamo mai usato nè tanto meno posseduto uno per cui non lo nascondo … rimanemmo un pò scettici. Non certo sulla provenienza, nè tantomeno sull’originalità, ma per l’oggetto in sè.

Qualche giorno dopo il suo arrivo lo provammo:
controlli Flat + 335 1966 Cherry “plug&play” e … ogni dubbio sparì.

Alcuni dati tecnici, senza scendere troppo nei dettagli :
anno 1966
modello JTM45 tremolo white panel
2×12 Green Back Marshall label
pinstripe grill cloth
small cabinet
revisionato da George Alessandro … per chi non lo conoscesse : http://alessandro-products.com/

TANTO PER CAPIRCI, LO STESSO MODELLO CHE ERIC CLAPTON SUONAVA CON JOHN MAYALL.
Per questo motivo Eric Johnson, grande esperto di Vintage e di ampli Marshall in particolare, lo fece autografare a Clapton durante il CROSSROAD FESTIVAL nel 2006.

Un pò di foto … Alla prossima !

APPROFONDIMENTO FEBBRAIO 2019

E’ un model B ( che sta per Bass … ossia un taglio di frequenza che predilige più le frequenze Basse ).
Diversi “Grandi” hanno preferito questo modello, vedi Keith Richards giusto per citarne Uno !

L’amplificatore , fatta eccezione per la customizzazione dell’esterno che lo ha reso famoso e riconoscibile, per il resto è originale.
Internamente conserva ancora parte delle valvole Mullard dell’epoca, trasformatori Albion e coni Celestion Blue Bulldog.
In breve la sua storia :
L’amplificatore è stato utilizzato (1995) per registrare l’album NORTHERN SOUL da NICK McCABE dei VERVE, da NOEL GALLAGHER degli OASIS per registrare SOME MIGHT SAY e da JULIAN COPE per diversi suoi lavori.

La rivista NEW MUSICAL EXPRESS riporta una foto di Noel ai LOCO STUDIOS in Galles, seduto sul VOX in questione e che ha utilizzato per le registrazioni.

Anche un libro dedicato agli OASIS riporta questa foto.
La stessa foto, viene riportata spesso su pubblicazioni e libri dedicati alla Band, una vera e propria Icona della storia del Rock,

Un pò come il BLUESBREAKER che accompagna ERIC CLAPTON sulle copertine del 66, ma questa è un’altra Storia … STAY TUNED !

APPROFONDIMENTO GENNAIO 2019